05 Aprile 2018  09:54

Il consumatore al centro!

Silvia Balduzzi
Il consumatore al centro!

L’approccio che ha caratterizzato e continuerà a caratterizzare anche quest’anno Grandi Giochi Ce ne parla il presidente Lelio Bruno

Come avete chiuso il 2017?

«Il 2017 è stato un anno piuttosto “soft” che si è concluso con un Natale molto sfidante per tutto il mercato del giocattolo. Grandi Giochi ha subito una lieve flessione rispetto all’anno precedente soprattutto dovuta ad una categoria Games, molto importante per l’azienda, che non ha premiato i nuovi lanci. Sono molto soddisfatto invece per le performance registrate da alcuni marchi dell’azienda, in particolar modo, Amore Mio, il nostro core brand Dolls, che ha visto una continua crescita per tutto l'anno e ha confermato questo trend positivo anche per il Natale. Siamo molto contenti che Grandi Giochi chiuda l'anno comunque mantenendo inalterata la sua posizione, settimo player del mercato del giocattolo italiano».

Avete raggiunto gli obiettivi che vi eravate posti? Con quali prodotti?

«Puntavamo molto sul 2017 per portare ulteriore crescita all’azienda, cosa che purtroppo, a livello complessivo, non è avvenuta, soprattutto perché il mercato continua a essere pesantemente impattato dal contesto macroeconomico che è ancora in grande sofferenza. Nonostante questo, come anticipato, sono molto soddisfatto di Amore Mio, brand sul quale stiamo concentrando moltissimi sforzi a livello aziendale, sia in termini di sviluppo prodotto che di marketing. Ottime performance per Giulia Ballerina, che ha visto l'inserimento delle scarpette per le bambine nella nuova confezione per lo scorso Natale, oltre ai grandi classici come Elisa Canta e Racconta e un po' tutta la linea. Molto bene anche Barbie, con risultati decisamente soddisfacenti su tutti i prodotti Tv, e in particolar modo, tutto esaurito per il nuovo lancio Coffee Shop di Barbie. Nonostante una performance che non ha premiato i nuovi lanci, ottimi risultati per i grandi classici dei Games, come Occhio al Fantasma, 5 Secondi, Ne Si Ne No e tanti altri».

Quali prodotti saranno in focus nei prossimi mesi?

«Importanti sforzi sui principali core business per l'azienda, con particolare focus per le categorie Games, Dolls e Building Set con K'nex, l'iconico brand tutto made in USA. La primavera 2018 vede importanti lanci con un'offerta rivolta ad un target sempre più trasversale in termini di sesso e di età. A gennaio abbiamo presentato Fast Crash, le macchinine che si spaccano e si ricompongono e con le quali si possono creare infinite combinazioni, e Surprizamals, morbidi e teneri cuccioli peluche collezionabili racchiusi in una colorata sfera; nei mesi tra marzo e maggio lanceremo Lumiluvs, simpatici animaletti che, con un semplice bacio si illuminano, Spinz, gli spinner 3.0, e poi Trixx 360, macchinine in grado di compiere incredibili evoluzioni e giri a 360 gradi».

Quali sono i trend sui quali puntate e che tipo di esigenze del consumatore cercate di soddisfare?

«Il consumatore al centro! è l’approccio che ha caratterizzato e continuerà a caratterizzare Grandi Giochi; un'offerta sempre più accurata, punti di prezzo che rispecchiano il giusto rapporto qualità-prezzo, ricerca e selezione di prodotti sono gli elementi fondamentali sui quali puntiamo per soddisfare al meglio le esigenze dei nostri consumatori. Sempre maggiori saranno gli sforzi per incrementare costantemente la differenziazione media per meglio raggiungere i nostri target di consumatori: bambini e genitori. Lavoreremo con i mezzi più innovativi senza trascurare le classiche azioni come esperienza in-store, PR, social, digital, iniziative speciali e co-marketing».

Qual è la vostra strategia distributiva per il 2018?

«Continueremo a valorizzare e consolidare le importanti partnership, costruite nel tempo, con i nostri clienti; una giusta politica commerciale con esclusive che possano tutelare e massimizzare i risultati di ogni canale distributivo. Riteniamo sempre più importante e attuale una comunicazione integrata a 360 gradi, senza dimenticare l’esperienza in-store».

Quali previsioni per il primo semestre 2018?

«Puntiamo a incrementare la nostra brand awareness e la riconoscibilità dei nostri brand. Tantissimi sono gli sforzi programmati per il primo semestre 2018 per presentare una variegata offerta ed altrettante sono le aspettative».

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

Silvia Balduzzi - Toy Store

Contenuto Sponsorizzato

ACCADDE OGGI