13 Aprile 2018  15:35

Poggi e D’Ausilio entrano in Rai Pubblicità

Eliana Corti
Poggi e D’Ausilio entrano in Rai Pubblicità

Antonio Marano, presidente e ad di Rai Pubblicità

La concessionaria si riorganizza e chiude il primo quadrimestre in pareggio sul 2017

Rai Pubblicità si riorganizza, inserendo nel team professionisti commerciali con skill che non provengono soltanto dall’advertising classico, per poter potenziare la progettualità cross-mediale sia offline che online. Entrano quindi nella concessionaria Rai guidata dal presidente e ad Antonio Marano Luca Poggi (responsabile area Lombardia) e Laura D’Ausilio (responsabile dei centri media). Sul fronte della raccolta, il periodo gennaio-aprile si è chiuso in pareggio rispetto allo stesso periodo 2017: ai risultati positivi del Festival di Sanremo si è contrapposta la settimana negative delle elezioni politiche, recuperata però con gli ascolti di aprile. Secondo Giancarlo Cani, direttore commerciale di Rai Pubblicità, il trimestre estivo si concentrerà su un’offerta alternativa al calcio, per contrastare la concorrenza sul pubblico maschile prevista per quei mesi. Insieme a contenuti destinati a un pubblico femminile, non mancheranno comunque gli eventi sportivi come il Tour de France, le partite della nazionale, le amichevoli Nations League, European Championship e il GP di Formula Uno di Monza. Sono previsti inoltre programmi dedicati alla musica come la serata evento per Bocelli, il tributo a Pino Daniele, Wind Music Awards e Tomorrowland.

Contenuti correlati : d'ausilio marano rai pubblicità poggi cani

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 04 Luglio 2018
    IL NUOVISMO NON È INNOVAZIONE
    Sapete qual è la parola d’ordine più gettonata a ogni presentazione di palinsesti o a ogni semplice conferenza stampa di rete o di programma?
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 17 Luglio 2014
    Rai supera di dieci punti Mediaset
    A giugno, in prima serata, la tv pubblica ha raccolto, sul target individui, il 41% di share contro il 31% della tv commerciale.