21 Luglio 2010  14:31

Vespa condannato per diffamazione

TVst
Vespa condannato per diffamazione

I giudici confermano la non imparzialità nell’intervista al manager Vito Gamberale

«L’intervista incriminata era punteggiata da domande di cui appariva ovvia la risposta, nonché accompagnata da notizie allusive, da sottintesi, da ambiguità tali da ingenerare nel lettore la convinzione della rispondenza al vero dei fatti esposti». È quello che si legge in una nota della Cassazione che con la sentenza 16917/2010 ha confermato ieri la condanna di Bruno Vespa per diffamazione dei pm napoletani che negli anni 90 ordinarono l’arresto per abuso d’ufficio del manager Vito Gamberale. Secondo i giudici, il giornalista non sarebbe stato imparziale in un’intervista, pubblicata nel suo libro “La sfida”, al manager coinvolto in un errore giudiziario e successivamente assolto in formula piena. La condanna a Vespa (dovrà risarcire 24mila euro per ciascuna delle parti offese) arriva dopo l’accusa dei giudici di non adempimento al dovere di controllo sia della veridicità delle circostanze e delle parole dell’intervistato, sia della continenza delle espressioni riferite.

Commenti

Ogni tanto una buona notizia

Debole con i forti, forte con i deboli. Un bel bagno di umiltà.

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Novembre 2019
    Chi l’avrebbe mai detto?
    La televisione cambia più di quanto cambi la platea televisiva, meno della pubblicità e del web, ma certamente più degli altri mezzi.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy